HOME CHI SIAMO NEWS STAMPA AICS SOCIAL AICS.IT
Servizi per i soci AICS
In questa rubrica potete trovare tutte le scadenze fiscali per i circoli/associazioni del mese in corso.
Per consultarle clicca qui

AICS Genova il Comitato Provinciale di Genova dellAssociazione Italiana Cultura e Sport. In parole semplici siamo i rappresentanti nella nostra citt di questo Ente di Promozione, uno dei principali Enti a livello nazionale. Compito del nostro Comitato fornire un aiuto concreto a tutti i circoli e le associazioni che intendono svolgere al meglio e nel rispetto delle leggi la propria attivit sportiva, culturale, ricreativa, ecc.
Aics Genova vanta uno staff giovane e competente ed apolitico.

Dove siamo
Via Galata 33/6a 16121 Genova
orario: dal lun al ven dalle 16.00 alle 19.00 - mar e ven dalle 10.00 alle 12.00
Guarda la cartina

Contatti
tel. 010.55.33.045
email aics@aics.liguria.it

LA DENUNCIA DELL'ENTE PARCO ANTOLA CONTRO I PROVVEDIMENTI DELLA REGIONE LIGURIA

Pubblichiamo quanto segnalatoci dall'Ente Parco Antola, che ha al suo interno alcuni circoli a noi affiliati, che svolgono principalmente attività di pesca. L'Ente si dimostra - in queste righe - molto preoccupato e certamente perplesso dalle recenti decisioni del Consiglio Regionale ligure - fra l'altro proprio in questi giorni al centro dell'ennesimo scandalo... - in merito all'accorpamento di tutti i sei Enti parco della Liguria in uno, solo ed unico, certamente decentrato rispetto ai territori di effettiva competenza. Ecco le righe inviateci.

DIFENDIAMO IL NOSTRO PARCO!

Poco tempo fa abbiamo apprezzato presso la Regione Liguria, in pubblica assemblea e nei svariati gruppi di lavoro costituiti a corollario, quanto strategico possa essere investire nell’ambiente non solo per estetica, biodiversità o qualità della vita: il rapporto costi-benefici delle aree protette ha un saldo assolutamente positivo. Ottimo il progetto, ottimi i relatori, ottima la partecipazione, ottimo il motto circolare “Rendersi conto per rendere conto”, pure da capovolgere e ripetere all’infinito, ottime le parole della padrona di casa, l’Assessore all’Ambiente Renata Briano, nel santificare l’evento ed i brillanti risultati. Tutto bene, quindi. E invece no, non abbiamo fatto in tempo a sfogliare fino in fondo i bilanci di sostenibilità, ad apprezzarli per i risultati ottenuti che sono suonate le campane a morto per le nostre aree protette e, in particolare, per la nostra area protetta: il Parco dell’Antola. Ancora una volta ci siamo sentiti un “parco buoi”, un manipolo di volenterosi chiamati ad infoltire l’uditorio dell’evento di turno. Con un emendamento del 12 dicembre 2012 senza alcuna avvisaglia la Regione Liguria ha stabilito la riunione dei sei enti parco regionali in un unico ente. Ci siamo resi conto in un attimo che il lungo e duro percorso che ha portato il Parco ad essere un punto fermo per il territorio, le amministrazioni, il volontariato, la conservazione della cultura materiale, l’intero tessuto socio-economico legato alle produzioni tipiche ed eccellenze agro-silvo-pastorali rischia di spezzarsi tragicamente. È vero, viviamo momenti cupi dove ormai nulla è sicuro, però di fronte a tale assurdità che rischia di penalizzare soprattutto i parchi montani non possiamo essere acquiescenti: il Parco, il suo simbolo, la sua specificità devono rimanere nelle nostre valli, Scrivia e Trebbia, non diventare un aggregato lontano ed astratto di un qualcosa che non potremo riconoscere come nostro.

Prima abbiamo applaudito, ci siamo compiaciuti, ci siamo anche sentiti utili.

Ora il contesto è cambiato e con esso sono cambiati i nostri sentimenti: facciamo in modo che se ne rendano conto.

Ente Parco Antola

Nella foto, una suggestiva veduta invernale dal rifugio del Parco Antola