HOME CHI SIAMO NEWS STAMPA AICS SOCIAL AICS.IT
Servizi per i soci AICS
In questa rubrica potete trovare tutte le scadenze fiscali per i circoli/associazioni del mese in corso.
Per consultarle clicca qui

AICS Genova il Comitato Provinciale di Genova dellAssociazione Italiana Cultura e Sport. In parole semplici siamo i rappresentanti nella nostra citt di questo Ente di Promozione, uno dei principali Enti a livello nazionale. Compito del nostro Comitato fornire un aiuto concreto a tutti i circoli e le associazioni che intendono svolgere al meglio e nel rispetto delle leggi la propria attivit sportiva, culturale, ricreativa, ecc.
Aics Genova vanta uno staff giovane e competente ed apolitico.

Dove siamo
Via Galata 33/6a 16121 Genova
orario: dal lun al ven dalle 16.00 alle 19.00 - mar e ven dalle 10.00 alle 12.00
Guarda la cartina

Contatti
tel. 010.55.33.045
email aics@aics.liguria.it

NUOVE ETICHETTE ALIMENTARI

Il 13 Dicembre 2014 è entrata in vigore la nuova normativa europea in materia di etichette alimentari. I consumatori hanno il diritto di conoscere nel dettaglio la composizione dei prodotti che finiscono sulle loro tavole. A tal fine l’UE ha approvato il regolamento 1169/2011.

Ma cosa cambia rispetto alle vecchie etichette? Quali le introduzioni? Vediamole. Innanzitutto, da Dicembre, sono stati adottati caratteri di scrittura più grandi. Sembra un dettaglio da poco ma non lo è. Si pensi agli anziani che leggevano con difficoltà le minuscole scritte delle vecchie etichette, spesso decifrate a stento anche dai più giovani. Per quel che concerne la data di scadenza, adesso, è impressa sia sulla confezione esterna del prodotto che sulle singole porzioni in modo tale che, se dovessimo buttare il packaging, non rimarremo più in dubbio chiedendoci “sarà ancora buono?”. Coloro che soffrono di allergie o intolleranze alimentari sono più facilitati nell’individuare le componenti “a rischio” dei vari alimenti che dovranno esser messe in rilievo sull’etichetta. Per quel che concerne gli ingredienti, l’indicazione generica del componente utilizzato (es. olio) viene sostituita da quella propria (es. olio di palma).

Da molti giudicato come un passo indietro dell’UE è il fatto che in etichetta sia adesso facoltativo specificare lo stabilimento di produzione e lavorazione dei prodotti, cosa che in Italia è, invece, obbligatoria. Tuttavia, carni e latticini, alimenti più “delicati”, fanno eccezione. Non sono mancate le polemiche: l’omessa indicazione di questo dato potrebbe, infatti, danneggiare le aziende nostrane incoraggiando cloni del made in Italy.

Per sapere cosa gli italiani vogliono leggere sulle etichette dei prodotti che acquistano, il Mipaaf (Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali) ha indetto una consultazione pubblica online. Sul sito del Ministero i consumatori, in pochi minuti, possono compilare un questionario, aperto a tutti, in cui esprimere le proprie preferenze. La consultazione mira in particolar modo a “valutare la percezione dell’indicazione relativa al luogo d’origine o di provenienza dei prodotti alimentari”.

Avere indicazioni dettagliate riguardo ai cibi è un diritto dei consumatori che va garantito. Le etichette debbono fornirci tutte le informazioni, non solo quelle indispensabili ma anche quelle necessarie.