HOME CHI SIAMO NEWS STAMPA AICS SOCIAL AICS.IT
Servizi per i soci AICS
In questa rubrica potete trovare tutte le scadenze fiscali per i circoli/associazioni del mese in corso.
Per consultarle clicca qui

AICS Genova il Comitato Provinciale di Genova dellAssociazione Italiana Cultura e Sport. In parole semplici siamo i rappresentanti nella nostra citt di questo Ente di Promozione, uno dei principali Enti a livello nazionale. Compito del nostro Comitato fornire un aiuto concreto a tutti i circoli e le associazioni che intendono svolgere al meglio e nel rispetto delle leggi la propria attivit sportiva, culturale, ricreativa, ecc.
Aics Genova vanta uno staff giovane e competente ed apolitico.

Dove siamo
Via Galata 33/6a 16121 Genova
orario: dal lun al ven dalle 16.00 alle 19.00 - mar e ven dalle 10.00 alle 12.00
Guarda la cartina

Contatti
tel. 010.55.33.045
email aics@aics.liguria.it

DEFIBRILLATORI, ARRIVA LA PROROGA: OBBLIGO RINVIATO AL PRIMO GENNAIO

Dopo la norma sulle zone terremotate, con una circolare il ministero alla salute allarga la sospensione a tutto il territorio nazionale
Alla fine, la proroga per l’installazione dei defibrillatori è arrivata. Con una circolare del 15 novembre scorso, il ministero alla salute ha ufficialmente allargato a tutto il territorio nazionale il raggio d’azione del decreto con cui rinviava la sospensione dell’obbligo dal 30 novembre al primo gennaio 2017 per le società sportive che avevano sede nelle zone del centro Italia colpite dal terremoto. Slitta quindi ancora una volta il decreto Balduzzi, ma le zone grigie restano. La politica ha già chiesto al ministero di utilizzare il tempo messo a disposizione dall’ultima proroga per chiarire le questioni dubbie, come gli esoneri o la dotazione dei defibrillatori per gli eventi fuori dagli impianti sportivi,ma il tempo a disposizione è poco e ancora troppe sono le incognite e tante le associazioni sportive che non si sono ancora dotate del dispositivo di sicurezza medica. Quanto alle società non obbligate alla dotazione, ad esempio, il decreto Balduzzi prevede l’esonero per le attività a basso rischio cardiocircolatorio: la norma ne elenca alcune ma aggiunge “e attività similari” lasciando nel dubbio quali possano essere considerate “similari”: questione per la quale si chiede da anni un chiarimento.